Subjunctive Software's new Strategy RPG "Goblin Harvest - The Mighty Quest" is now available for
Windows PC and iPad.


This page has been Textised!
The original page address was http://www.lucacoscioni.it/

Menu principale
News
Presentazione del libro “Sapori a colori” di Paolo Palumbo e Luigi PomataOn  8 maggio 2017
Scritto a quattro mani da uno degli chefRead more 

Undici anni di amore, undici anni di assenzeOn  20 febbraio 2017
Il 20 febbraio 2006 moriva Luca CoscioniRead more 

Premio Tesi Luca Coscioni – Seconda EdizioneOn  7 dicembre 2016
L’Istituto bandisce la seconda edizioneRead more 

Eutanasia: Maria Antonietta Farina Coscioni ospite della rubrica de La7 “La Gabbia open”On  21 settembre 2016
Eutanasia: Maria Antonietta Farina CosciRead more 

Eutanasia legale: Intervista a Maria Antonietta Farina Coscioni a Radio 105On  19 settembre 2016
Eutanasia legale: Intervista a Maria AntRead more 

[Image: Luca Coscioni - lucacoscioni.it logo]  Luca Coscioni - lucacoscioni.it 
Salta il contenuto
Menu 
[Image: Slide background]   » la mia storia
[Image: Slide background]   » la maratona
[Image: Slide background]   » la ricerca scientifica
[Image: Slide background]   » la politica
Luca Coscioni
Certe volte mi domando perché mi sono ammalato di sclerosi laterale amiotrofica. Perché questa malattia sia toccata a me e non a qualcun altro. Perché a 28 anni e non più tardi, magaria 50 o, meglio ancora, a 70 anni, come accade nella maggior parte dei casi. Perché. A questi interrogativi non mi è possibile rispondere. Poi mi domando cosa mi sarebbe successo se fossi nato in un paese che noi occidentali definiamo ipocritamente in via di sviluppo o a basso reddito. Per capirci meglio, in uno di quei paesi in cui ancora oggi la gente muore di fame, è uccisa dalla dissenteria, crepa per una banale influenza. A quest’ultimo interrogativo mi è invece possibile rispondere. Non sarei arrivato ai miei 31 anni. Sarei morto di fame, sarei stato ucciso dalla dissenteria, sarei crepato per una banale influenza. Oppure, molto più semplicemente, mi sarei spento così come si spegne una candela quando si esaurisce la cera, per mancanza di Speranza e di Amore. [continua
Forse il sostegno di un semplice scrittore come me stonerà un poco, o anche troppo, nella lista delle personalità scientifiche che, con i loro nomi e il loro prestigio, suggellano le affermazioni rese da Luca Coscioni in quella sua lettera del 20 marzo (…) Attendavamo da molto tempo che si facesse giorno, eravamo sfiancati dall’attesa, ma ad un tratto il coraggio di un uomo reso muto da una malattia terribile ci ha restituito una nuova forza. Grazie per questo. (Josè Saramago)

 

Luca è stato maratoneta fino all’ultimo. In tutta la sua malattia non ha mai cessato di impiegare la stessa energia e determinazione che da sano spendeva senza risparmio nelle sue imprese sportive. Mi ha colpito proprio questa sua forza, questo autocontrollo che da fisico si è sublimato in interiore, per correre verso una meta ideale, la libertà di ricerca. (Umberto Veronesi)

 

Con le battaglie di Luca Coscioni è passata più chiaramente l’idea che non si scende in piazza soltanto per rivendicare i diritti, ma che a volte si deve tener conto dei diritti di quanti in piazza non ci possono arrivare nemmeno. “Dal corpo dei malati, al cuore della politica”, questo slogan è stato clamorosamente accolto da moltissimi cittadini che certe cose non le avrebbero capite. (Furio Colombo)

 

La verità è che i temi e i drammi della bioetica torneranno ad imporsi nel prossimo Parlamento, a dispetto delle reticenze elettorali e nonostante il peso delle posizioni cattoliche. La questione investirà in modo inesorabile la nuova maggioranza e la nuova opposizione. E il nome di Luca Coscioni, sostenuto da un ventaglio di premi Nobel, si avvia a essere il simbolo della laicità della ricerca scientifica. (Stefano Folli)

 

La mia prima maratona (Marcialonga) da bambino
In evidenza , La maratona , Video 
12 gennaio 1974 - Orvieto: Luca Coscioni corre da bambino alla maratona…
Il mio viaggio nel deserto. Parigi-Dakar 1988
In evidenza , Radio e Tv , Video 
01 gennaio 1988 - Orvieto: filmato inedito che mostra Luca Coscioni mentre…
Il mio dibattito, “Per un’identità moderna di Orvieto”
Conferenze e Dibattiti , Footer , In evidenza , La politica , Video , Video 
20 gennaio 1995 - Orvieto: dibattito politico di Luca Coscioni denominato: "Per…
Il mio incontro con Josè Saramago
In evidenza , La mia storia 
Luca Coscioni descrive l'emozione per aver incontrato il premio Nobel portoghese per…
Penso che la mia presenza possa essere il segno tangibile che la religione della libertà e la scienza possano restituire vita e dignità anche a chi, come me, è stato colpito da una malattia gravemente invalidante e inguaribile. C’era un tempo per i miracoli della fede. C’è un tempo per i miracoli della Scienza. Un giorno il mio medico potrà, lo spero, dirmi: “Prova ad alzarti, perché forse cammini”. Ma non ho molto tempo, non abbiamo molto tempo.
E, tra una lacrima e un sorriso, le nostre dure esistenze non hanno bisogno degli anatemi dei fondamentalisti religiosi, ma del silenzio della libertà, che è democrazia. Le nostre esistenze hanno bisogno di una cura, di una cura per corpi e spiriti. Le nostre esistenze hanno bisogno di libertà per la ricerca scientifica. Ma non possono aspettare. Non possono aspettare le scuse di uno dei prossimi papi.
lucacoscioni.it  
«Anni fa mi sono ammalato ed è come se fossi morto. Il Deserto è entrato dentro di me, il mio cuore si è fatto sabbia e credevo che il mio viaggio fosse finito. Ora, solo ora, comincio a capire che questo non è vero. La mia avventura continua, in forme diverse».
Ultimi Tweet  
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css 

Textise: Back to top

This text-only page was created by Textise (www.textise.net). Copyright Subjunctive Software.
Find us on Facebook and Twitter or visit the Official Blog.